Un aggiornamento sull'anti-cheat di Bloodhunt

Ciao, community di Bloodhunt!

Diamo seguito al nostro ultimo articolo sul modo in cui abbiamo usato la katana dei blocchi durante la fase di accesso anticipato mostrandovi la mole di lavoro svolta per assicurarci di distinguere i giocatori leali dai cheater il più in fretta possibile.
 

Segnalazioni e controllo dei giocatori

La nostra arma principale contro i cheater è un team dedicato che controlla costantemente le varie segnalazioni che riceviamo, oltre a cercare cheater e hacker con vari mezzi.

Fino a oggi abbiamo bloccato circa 755 account e tuttora blocchiamo in media 50 account al giorno mediante questo processo.

Non possiamo sconfiggere completamente i cheater, ma, rimuovendoli rapidamente, li ostacoliamo il più possibile, perché li costringiamo a creare dei nuovi account Steam e Sharkmob per ricominciare a giocare.

Il successo di questa attività dipende in larga misura dalle segnalazioni dei giocatori, quindi apprezziamo molto la vostra attenzione.

Dai nostri controlli sui server, possiamo confermare che al momento è piuttosto raro imbattersi nei cheater più estremi, ma è pur vero che la loro presenza rovina il server, quindi dobbiamo tenere sotto controllo la situazione.

 

Blocchi basati su impossibilità matematiche

Il prossimo passo, per noi, è iniziare a bloccare giocatori sulla base di valori e comportamenti impossibili.

Ci stiamo facendo un'idea concreta su quel che sono in grado di fare i giocatori più bravi in assoluto e ci siamo imbattuti in utenti che hanno fatto registrare prestazioni doppie rispetto ai migliori al mondo.

Per darvi un'idea, è come se qualcuno riuscisse a battere in continuazione il record del mondo dei 100 metri, dal momento che, oltre a essere molto improbabile, tecnicamente va contro le leggi della fisica, visto che per un essere umano è possibile muovere il controller con precisione solo fino a una certa velocità.

Verranno bloccati retroattivamente anche i giocatori che hanno usato cheat in passato e che vengono scoperti solo ora, dato che le statistiche in nostro possesso riguardano l'intera base di giocatori.

In Bloodhunt non c'è spazio per i cheat e la nostra tolleranza al riguardo è pari a zero, perché, oltre a peggiorare l'esperienza per i nostri giocatori, ci costringono a sprecare tempo prezioso che potremmo dedicare a migliorare il gioco.

 

Blocchi di Easy Anti-Cheat

Easy Anti-Cheat è sempre alla ricerca di hacker che provano a manipolare in vari modi l'eseguibile di Bloodhunt in memoria.

Ci vuole tempo per raccogliere e analizzare tutte le informazioni, ma una volta identificati e confermati i vari hack, attiviamo il colpo di katana dei blocchi, che interviene su svariati account contemporaneamente.

Questo, tra l'altro, neutralizza gli hack scoperti, perché i giocatori individuati vengono segnalati istantaneamente.

La nostra è una battaglia senza fine, dato che i cheat generano grossi profitti e vengono sviluppati costantemente insieme a nuovi metodi per usarli, ma noi siamo intenzionati ad agire il più rapidamente possibile per rimuovere ogni nuovo cheat appena viene identificato.

Inoltre, siamo lieti di comunicarvi che ieri abbiamo messo a segno i primi colpi di katana, bloccando quasi 900 account.

E adesso?

Questi nostri sforzi non avranno mai fine, poiché il numero di persone che vogliono barare sarà direttamente proporzionale alla crescita e alla popolarità del gioco.

In ogni caso, stiamo provando a fare di più e la vostra opinione è importante per noi.

 

Autenticazione a due fattori (2FA)

È un metodo efficace per proteggere i giochi usando un numero di telefono. Certo, ottenere un altro numero di telefono per creare un nuovo account è facile, ma ha un costo e richiede del tempo, soprattutto ora che in molti paesi sta diventando sempre più difficile procurarsi una SIM senza mostrare un documento d'identità.

A nostro avviso, sarebbe un metodo molto efficace per rimuovere un gran numero di cheater.

 

Protezioni aggiuntive

Una volta che il gioco diventerà più popolare e avremo una base di giocatori molto ampia, potremmo anche pensare di proteggere la community dei veterani richiedendo un livello giocatore raggiungibile solo giocando per alcune ore. Potremmo anche richiedere ai nuovi giocatori di superare una serie di server diversi battendosi con altri giocatori nuovi mentre imparano le basi.

Chiaramente, questo significa che i giocatori nuovi potrebbero imbattersi in un numero maggiore di cheater, ma continueremo a controllare i server per assicurarci di bloccare i giocatori non appena li individuiamo.

La nostra intenzione, tuttavia, è di proteggere il più possibile la base di utenti attiva e appassionata.

Ora come ora, si tratta di semplici idee e non di qualcosa che abbiamo iniziato a sviluppare, ma ci interessa comunque conoscere la vostra opinione e sapere se avete altre idee valide su come proteggere Bloodhunt dagli hacker e dai cheater.

Fateci sapere cosa ne pensate e, come sempre, ci vediamo al tramonto!

 

/Sharkmob

Unisciti alla caccia

Unisciti alla Caccia di sangue

Connessione a Internet persistente, sono richiesti account Sharkmob, Playstation e Steam. Limitazioni concernenti l'età. Include acquisti in gioco.